Adidas Yeezy 350 Boost v2 Zebra

Quando Kanye West ha concluso la sua partnership quinquennale con Nike nel 2013, ha firmato un accordo da Adidas 10 milioni con Adidas. A differenza di Nike, Adidas gli ha offerto il pieno controllo creativo sulle scarpe e una percentuale di tutte le royalties. Questa collaborazione ha dato vita a una delle linee di sneaker più popolari oggi: la linea Adidas Yeezy.

La prima sneaker Adidas Yeezy è scesa nel 2015 attraverso l’Adidas Yeezy Boost 750. Seguì il Yeezy Boost 350, che fu inizialmente rilasciato in tre colorazioni (the Turtledove, the Pirate Black e the Moonrock) a retail 200 prezzo al dettaglio. La Yeezy Boost 350 ha una silhouette scollata, una tomaia Primeknit e una suola Boost.

L’anno successivo, l’Adidas Yeezy Boost 350 V2 è venuto sotto i riflettori. È una versione aggiornata dell’originale Yeezy Boost 350, ma la sua struttura low-cut è in qualche modo superiore a quella dell’originale. La tomaia Primeknit ha ricevuto una striscia a contrasto che recita “SPLY-350”, mentre l’unità Boost è relativamente più grande. Dalla sua versione iniziale in diverse colorazioni (Beluga, Rosso, Rame, verde, Nero/bianco, Nero/rosso), è stato uno dei modelli Yeezy molto popolari fino ad oggi.

All’inizio del 2017 sono state lanciate altre due colorazioni della Yeezy Boost 350 V2, la Zebra e la Cream White. L’Adidas Yeezy Boost 350 V2 Zebra presenta una tomaia Primeknit nei colori bianco e nero con una scritta 350 SPLY rossa lungo i lati. Presenta anche un’intersuola bianca traslucida e una suola Boost a tutta lunghezza. Il rilascio è stato molto atteso come ci sono stati diversi rapporti all’inizio che sarà una versione molto limitata. Infatti, è stato venduto solo tramite selezionati flagship store Adidas e sul sito ufficiale del brand. Di conseguenza, il suo prezzo di rivendita è aumentato eccezionalmente per un breve periodo di tempo.

Poi a giugno 2017, Adidas ha annunciato che rifornirà l’Adidas Yeezy Boost 350 V2 Zebra. A differenza della versione iniziale, la seconda versione non è stata limitata in quanto ha coinvolto anche rivenditori di terze parti. Questa mossa ha comportato un calo del suo prezzo di rivendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.