Conosci la più grande etnia non araba nel mondo arabo?

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

pubblicato il: Jun 6, 2018

Conosci la più grande etnia non araba nel mondo arabo?

Di: John Mason/Arab America Contributing Writer

I berberi del Nord Africa comprendono un gran numero di persone. Mentre i berberi, distinti per la loro lingua indigena non araba, erano un tempo più numerosi degli arabi, ora sono una minoranza. La popolazione etnica berbera aggiunge una ricca tradizione di lingua, storia, arte, musica, letteratura e architettura alla più grande società araba in cui vivono.

Esamineremo alcune caratteristiche fondamentali dei berberi, mostrando come sono diversi dalla più grande società araba ma, anche, ciò che condividono con i loro fratelli arabi. Ho avuto il piacere di lavorare per molti anni come antropologo con popoli berberi in Libia, Tunisia, Algeria e Marocco. Il mio lavoro con loro ha incluso la ricerca di base sulla loro cultura e società e ha fatto domanda per il lavoro di sviluppo attraverso agenzie di sviluppo internazionali. Le mie esperienze con i berberi sono state molto gratificanti e continuano ad esserlo.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

popolazioni Berbere del Nord Africa si estendono da Egitto occidentale, attraverso la Libia, Tunisia, Algeria e Marocco alle isole Canarie nell’Atlantico orientale e comprendono anche le popolazioni della Mauritania, Ciad e Niger

I Berberi del Nord Africa

L’origine dei Berberi è qualcosa di un mistero. Sulla base della loro lingua, sembra che possano aver avuto origine nella zona intorno al lago Ciad, o nelle vicinanze attuali paesi del Ciad e Libia. I berberi sono un popolo che parla molti dialetti e persino lingue distinte, tutte derivanti da un’unica fonte molte migliaia di anni fa. Oggi vivono in tutto il Nord Africa, che si estende dall’Egitto occidentale, attraverso la Libia, la Tunisia, l’Algeria e in molte parti del Marocco. Nel corso degli anni, i berberi si sono rifugiati nelle oasi sahariane; nel grande deserto stesso, il Sahara, e nelle montagne di tutta l’Africa settentrionale. In alcuni casi, stavano eludendo le tribù arabe invasori nel 7 ° e 11 ° secolo. Tuttavia, la maggior parte dei berberi oggi sono musulmani e molti sono integrati nelle culture nazionali in cui risiedono.

Il nome berbero per i berberi è Imazighen, che si riferisce ad una popolazione etnica, diversa dagli arabi, che occupa, oltre ai paesi sopra citati, Mauritania, Mali settentrionale e Niger settentrionale. La loro lingua è così diversa dall’arabo, che fa parte della famiglia delle lingue semitiche, che è collocata in una famiglia completamente diversa, chiamata afroasiatica. La loro lingua è quindi più vicina ad alcune delle lingue dell’Etiopia e ai dialetti degli antichi regni egizi.

Berberi libici

Nella mia ricerca in un’oasi sahariana libica, un dialetto berbero era ancora parlato in casa. Ho provato ad impararne un po’, anche se la lingua parlata nella sfera pubblica era l’arabo. Quindi, quella era la lingua che ho imparato. Erano le donne dell’oasi che erano le custodi della lingua berbera, ma poiché tutte le mie interviste alle donne dovevano essere in presenza di uomini, non era necessario per me imparare quella lingua. Mi dispiace di non aver imparato di più, anche se non era pratico. Inoltre, non è stato un picnic imparare l’arabo.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

Amici berberi dell’autore nell’Oasi libica, Augila

Anche durante la dominazione araba del Nord Africa, i berberi esercitavano un controllo politico selettivo di alcune aree. Quindi, oltre all’orgoglio berbero radicato nella lingua e nell’etnia, abbraccia anche il loro ruolo nella storia. Mentre il loro numero è impreciso, circa 30-40 milioni di nordafricani si identificano come berberi. La maggior parte della popolazione del Nord Africa era probabilmente di origine berbera, ma nel tempo furono assorbiti nella cultura araba dominante e nella religione dell’Islam.

I berberi sono molto diversi tra loro

Tunisia

Ho visitato i berberi tunisini nelle montagne meridionali sul lato orientale del paese. Lì vivevano in case scavate nelle montagne. Le loro case erano fresche d’estate e calde d’inverno. I tentativi del governo di portare queste persone giù dalle montagne per vivere in nuove abitazioni sulle pianure ventose non hanno avuto successo.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

Berberi del sud della Tunisia dove ho visitato, case scolpite in montagne–le loro case erano calde in inverno e fresche in estate

Tuareg del Sahara

Ho anche trascorso del tempo con i nomadi Tuareg, alcuni dei quali vivevano nel sud-ovest della Libia. A differenza degli arabi, tra i Tuareg, le donne hanno posizioni potenti, da cui controllano la proprietà e hanno pieni diritti di eredità. I governi degli stati del Nord Africa hanno cercato di convincere i Tuareg notoriamente indipendenti a stabilirsi nei villaggi, sottoquotando così il loro tradizionale controllo del commercio e delle risorse nel Sahara.

Il popolo Tuareg è anche conosciuto come ‘il popolo blu’ perché il blu indaco del velo e dei loro vestiti si sfrega sulla loro pelle, dandole una tinta bluastra. Ironia della sorte, gli uomini Tuareg indossano il velo, non le donne. Le teorie per questo sono 1) ha protetto i loro volti dalle sabbie del deserto; 2) impediva agli spiriti maligni del deserto di entrare attraverso il naso o la bocca, e 3) in presenza delle loro potenti suocere, il velo rappresentava una forma di modestia maschile. Quest’ultimo non è stato “dimostrato” attraverso una ricerca sistematica.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

Questo nomadi Tuareg shaikh era stato depositato dal governo nel sud-ovest della Libia–ho trascorso una settimana a intervistare lui e i suoi compagni di tribù

Inizialmente, ho voluto studiare il Tuareg, gestendo la mia mandria di cammelli, pecore e capre e seguenti in tutto il loro territorio desertico come interagiscono con il Sahariana oasi comunità. La realtà di fare questo, tuttavia, era complicata dalla politica modellata da potenti tribù Tuareg che stavano violentemente affrontando i leader nazionali. Mentre guardo indietro, spesso mi chiedo quanto bene avrei potuto gestire le mandrie nel Sahara, ma fortunatamente, ho finito con abitanti di oasi sedentari in Libia. Molti decenni dopo, questi berberi continuano ad essere miei amici.

Algeria

In Algeria, ho studiato brevemente i berberi desertici dell’Oasi di Ghardaia nel profondo del Sahara. Lì ho partecipato a un’asta comunitaria, un modo di vendere beni che sembrava coinvolgere i principi dei mercati capitalisti. I venditori sarebbero cerchio intorno a un gruppo di potenziali acquirenti che mostrano le loro merci, chiedendo offerte, e in attesa per l’offerta più alta.

Ad un certo punto della loro storia, questi berberi andavano d’accordo con gli ebrei che vivevano ancora in Algeria. Proteggevano persino i compagni mercanti ebrei dai nemici esterni.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

Ghardaia, Algeria-nel profondo del Sahara, questa comunità berbera gestiva mercati che sembravano coinvolgere i principi dell’asta

Marocco

Montagna Le persone marocchine che vivevano in alto nelle montagne dell’Atlante erano un altro gruppo berbero che ho visitato. Alcune di queste persone erano così isolate che non parlavano arabo. Ho letto che almeno il 75% dei marocchini ha origini berbere. Le statistiche governative non mostrano un numero così alto perché ci sono pressioni per segnalare una percentuale più alta di arabi.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

I berberi delle Montagne dell’Atlante marocchino mantengono la loro lingua e cultura–aderiscono anche alla fede islamica

Gli sforzi berberi di autodeterminazione

A volte i berberi hanno cercato di ottenere l’indipendenza dai regimi arabi, ma senza successo. Violenti scontri si sono verificati, per esempio, tra la popolazione cabilia del nord-est dell’Algeria, che sono stati violentemente messi giù nel 1960. Più recentemente, gruppi berberi in Libia dal Jebel Nafusa (montagne) si sono schierati con i ribelli nel contribuire a rovesciare l’allora leader trincerato, Muammar Gheddafi.

Diversi anni fa, alcuni berberi hanno istituito il Congresso Mondiale degli Imazighen per rappresentare i berberi di tutto il Nord Africa. Uno dei loro obiettivi è quello di concentrarsi sull’ottenere la libertà da quelli che descrivono come regimi autocratici e di essere in grado di sviluppare i loro diritti politici in modo che possano raggiungere l’autodeterminazione.

Futuro dei berberi nordafricani

Alcuni gruppi berberi in Nord Africa hanno fatto pressioni con successo per la conservazione della loro lingua, compreso il suo insegnamento a scuola. Molte tribù, specialmente in Marocco, hanno mantenuto la pratica della loro lingua. La maggior parte hanno dovuto imparare l’arabo, però, soprattutto perché è uno dei fondamenti della loro fede islamica.

Conosci la più grande etnia non araba del mondo arabo?

I berberi hanno evoluto un alfabeto per la loro lingua, in questo caso, central Atlas Tamazight

Come in molti paesi in cui risiedono minoranze, i berberi hanno problemi nel mantenere la loro identità culturale. La loro orgogliosa eredità dovrebbe essere di buon auspicio per loro mentre continuano a perpetuare la loro lingua e cultura e vivere le vite esemplificate dai loro antenati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.