Dialogo aperto

In un articolo che illustra il dialogo Aperto metodo Seikkula, Alakar e Aaltonen postulato che “dal costruttivismo sociale punto di vista, la psicosi può essere visto come un modo di trattare con esperienza terrificante, in una vita che non hanno un linguaggio diverso da quello di allucinazioni e deliri”, e che “reazioni psicotiche dovrebbe essere visto tentativi di dare un senso delle esperienze che sono così pesanti che hanno reso impossibile la costruzione di un razionale narrazione orale”, sostenendo che le persone possono parlare di queste esperienze in metafora.

Offrono un modello che “le reazioni psicotiche assomigliano molto alle esperienze traumatiche” con esperienze di vittimizzazione “che non vengono memorizzate nella parte del sistema di memoria che promuove il senso”. Postulando che ” un dialogo aperto, senza temi o forme prefissati sembra essere importante per consentire la costruzione di un nuovo linguaggio in cui esprimere eventi difficili nella propria vita.”

Questa comprensione differisce radicalmente dai comuni modelli psichiatrici di psicosi che la considerano causata da un processo biologico nel cervello, come l’ipotesi della dopamina della schizofrenia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.