Il campione di Lethwei Dave Leduc: “Non mi piaceva la Muay Thai, perché c’erano i guanti”

Il Lethwei, lo sport nazionale del Myanmar, è uno degli stili più brutali al mondo—permettendo pugni a mani nude, gomiti, calci, ginocchia e colpi di testa. Tradizionalmente, i combattimenti sono 5 round e vengono automaticamente dichiarati pareggi se non c’è KO. Inoltre ogni angolo è consentito un time out di due minuti per ogni combattimento per far rivivere un combattente KO (l’unica restrizione è che un time out non può essere utilizzato nel round finale).

Dave Leduc è il primo straniero ad aver vinto la Cintura d’Oro a Lethwei e la difende dal 2016. Bloody Elbow si è seduto con lui prima del suo combattimento con Seth Baczynski per la cintura dei pesi cruiserweight World Lethwei Championship, che andrà in onda su UFC Fight Pass alle 7:15am ET/4:15am PT di venerdì 2 agosto.

Parlami dei tuoi sport da combattimento, come sei finito in Lethwei?

È sempre stato il mio obiettivo andare a combattere in Lethwei, da quando ho iniziato con Kung fu, Sanshou. Anche se il mio allenatore mi diceva che sarei stato bravo a colpire, all’inizio volevo solo cimentarmi. Così per un anno o due ho fatto solo grappling. Poi ho iniziato a colpire e alla fine sono andato in Thailandia, perché era molto più facile ottenere combattimenti in Muay Thai che una lotta Lethwei. Sono andato a tiger Muay Thai, perché avevo amici che si allenavano già lì. Ma stavo andando lì solo per avere partner di formazione, perché Myanmar era ancora una sorta di chiuso agli stranieri al momento. Così ho iniziato a fare esperienza in Thailandia, ma il mio stile non è mai stato molto popolare tra i promotori, perché hanno detto che non rappresentavo lo stile tailandese—e non volevo. Il mio allenatore mi ha sempre detto di “mantenere la mia essenza” e non cambiare il mio stile.

Alla fine, dopo aver fatto Prison Fight , 2 anni dopo, il promoter di Prison Fight mi ha detto che non aveva nessuno da combattere troppo in Lethwei e ho detto “Andiamo.”Ma mi ha detto che non avevo abbastanza combattimenti-solo dieci combattimenti di Muay Thai, dove anche Troppo aveva 40 in Lethwei-così abbiamo deciso di mentire sul mio record e dire che avevo circa 40 combattimenti. Questo mi ha permesso di andare a combattere in Myanmar e l’ho dominato, in uno stile che è stato fatto per me credo. Avevo già iniziato a praticare headbutts e bare-knuckle con il mio allenatore un paio di anni prima, con l’obiettivo di andare a combattere in Lethwei. Quindi era già in un angolo della mia testa. Quindi è così che ho iniziato.

Poi sono stato sfidato da Tun Tun Min , che era amico di Too Too. E il resto è storia.

Quindi, anche prima di avere l’opportunità, Lethwei era già qualcosa che avevi in mente?

Sì, la gente spesso pensa “Oh, è un combattente di Muay Thai che ha trovato il successo in Lethwei.”Ma non mi piaceva la Muay Thai, perché c’erano i guanti. Non mi piaceva il sistema di punteggio, che favorisce un sacco di calci. Perché, lo stile di Kung Fu ho iniziato con era molto orientata verso le strade, e il mio allenatore ha avuto la sua giusta quota di combattimenti di strada in gioventù. Quindi mi è sempre piaciuto questo aspetto.

E quando sono andato in Thailandia c’era uno dei miei buoni amici, Matthew Richardson, che ha combattuto a Lethwei con Too Too e Tun Tun Min prima di fare il salto. Si è rotto il braccio bloccando un calcio da Too Too ed è stato KO da Tun Tun Min con un colpo di testa, quindi è lui che mi ha fatto venire voglia di andare a combattere lì. Pensavo che lo stile fosse 10 volte migliore di quello che abbiamo fatto in Thailandia, e volevo anche vendicarlo. Cosa che ho fatto; dominando i 2 ragazzi che lo hanno battuto-2 legends of Lethwei.

Tun Tun Min era un combattente che stavo già guardando in Canada, quando stavo scoprendo Lethwei. Quindi litigare con lui la prima volta, nel 2016, è stato come combattere qualcuno che hai studiato e ammirato. Io non idolatro nessuno, siamo tutti umani. Ma combattere qualcuno con molta più esperienza, un combattente Lethwei di terza generazione che è cresciuto in esso, era qualcosa di speciale.

Quali sono le differenze tra allenamento e competizione in Myanmar, rispetto alla Thailandia o all’occidente?

In Thailandia, c’è molta attenzione ai calci e non troppo sulle mani. Mentre in Myanmar, dato che non ci sono giudici secondo le regole tradizionali, a loro non importa tanto dei calci. C’è molta più attenzione a infliggere danni. Quindi, nella storia di entrambi gli sport, i thailandesi hanno ottenuto calci eccellenti e non così grandi pugili, mentre i combattenti birmani hanno sviluppato mani eccellenti e sono estremamente duri. C’era una sorta di ramificazione, e gli sport si sono evoluti su percorsi diversi.

Quando si tratta di condizioni di allenamento, le cose sono molto crude in Myanmar, il che contribuisce anche a renderle così difficili. Mi è piaciuto allenarsi in Thailandia, perché c’erano molte persone con cui allenarsi. Ma, non ho imparato troppo che è stato davvero vantaggioso per il mio stile.

Quali sono state le maggiori sfide nella transizione dalla Muay Thai a Lethwei?

Non ho cambiato molto il mio stile, ma c’è molto meno volume in Lethwei a causa delle nocche nude. Il mio amico Nieky Holzken mi stava dicendo che si sarebbe fatto male alle mani se avesse combattuto in Lethwei, perché lancia così tanto volume. Quindi devi diminuire il volume e adattare un po ‘ il modo in cui tiri i pugni. Si lancia il jab pollici in su piuttosto che palmo verso il basso, quindi c’è meno dare al polso, per esempio.

I combattenti dipendono molto dai guanti e dagli involucri. La maggior parte dei combattenti, anche professionisti, avrebbe molta difficoltà a combattere le nocche nude-perché sono così abituati ad avere il supporto di involucri e guanti, sul polso ma anche sulle articolazioni delle dita. Le persone diventano molto dipendenti da esso.

Sei diventato il primo straniero a vincere una cintura in Myanmar quando hai battuto Tun Tun Min per la cintura d’oro openweight, come è stato ricevuto localmente?

All’inizio era un po ‘ ostile. Non l’ho incontrato troppo, ma c’erano alcune bottiglie che volavano quando ho combattuto Troppo—e mi hanno detto di aspettare un po ‘ prima di uscire dallo stadio. I promotori mi hanno anche avvertito di guardare cosa stavo mangiando quando stavo combattendo Tun Tun Min, ma non ho avuto alcun problema. Nel corso del tempo – è successo naturalmente perché amavo il paese – mi hanno accettato e l’ho restituito. Quindi è stato amore da allora.

Sei stato critico nei confronti del World Lethwei Championship (WLC) in passato, in particolare perché hanno stabilito un sistema di punteggio, cosa ti ha fatto cambiare idea e ti ha fatto firmare con loro?

Sono un ambasciatore dello sport per Canal + (rete televisiva) in Myanmar, quindi ho realizzato documentari in tutto il Myanmar e ho incontrato molti ex campioni, come Lone Chaw. Così gli ho chiesto come ha vinto la sua cintura d’oro e ho scoperto che l’ha vinta per decisione. Così ho fatto qualche ricerca, e ho scoperto che dal 1976 ci sono stati tornei per la Cintura d’oro dove ci doveva essere un vincitore. E così, alcuni combattimenti sono stati vinti per decisione.

Quindi, dal momento che i WLC non hanno appena avuto l’idea di avere un sistema di punteggio per Lethwei, non avevo motivo di oppormi. Soprattutto perché mi è piaciuto il resto di quello che stavano facendo; l’aspetto grandioso e la visione globale che avevano per Lethwei. Così, ho pensato, ” Perché non unire le forze e fare qualcosa di grande?”Abbiamo ottenuto su UFC Fight Pass, ed è solo l’inizio.

All’inizio ero un po ‘ territoriale, avendo combattuto la mia carriera con altri promotori, ma questo è alle spalle. Penso che condividiamo una visione per lo sport, e ho firmato un contratto in esclusiva. Penso che andrò in pensione con loro.

In seguito, l’aggiunta di vittorie decisionali potrebbe potenzialmente rimuovere l’incentivo a “andare sempre per esso” inerente al set di regole “solo KO”. Ma, si potrebbe anche sostenere che’ solo KO ‘ tenta il combattente perdente a resistere per un pareggio…

Esattamente! Personalmente, non volevo tenere la cintura solo scappando e sopravvivendo per un pareggio, ma è possibile. Se guardi tutti i miei combattimenti, li ho dominati e avrei vinto se ci fossero stati giudici. Quindi sono contento che i campioni dovranno combattere e penso che spingerà i combattenti a esibirsi.

E cosa ne pensi della rimozione del timeout dell’infortunio in WLC?

Onestamente, ero sempre un po ‘ contro il timeout dell’infortunio. Perché ho combattuto Phoe Kay in Giappone, e l’ho messo ko nel primo con un gomito rotante. Hanno usato il timeout e lui si è rialzato. Onestamente il ragazzo più duro che abbia mai visto in vita mia. Era uno zombie. Erano 4 knockdown prima che chiamassero l’incontro. E dopo il terzo, non volevo piu ‘ colpirlo.

Penso che rimuoverlo sia un bene per lo sport, non penso che tolga dalla tradizione, dalla cultura e dalla storia dello sport e consentirà ai combattenti di avere carriere più lunghe.

Il tuo prossimo combattimento Lethwei sarà il tuo primo con i giudici. La possibilità di una decisione significa che cambierai la tua strategia, o ti stai solo avvicinando come qualsiasi altro combattimento di Lethwei?

Come ti ho detto, ho dominato i miei precedenti combattimenti. Quindi no, in realtà non cambia nulla alla mia strategia e quello che farò per metterlo fuori combattimento. Sono concentrato sul KO. Ma, so che se faccio quello che faccio bene, anche se va la distanza, vincerò comunque.

Il tuo avversario, Seth Baczinski, non ha esperienza in Lethwei o kickboxing, ma è un veterano UFC 11 fight. Quali sfide ti aspetti che presenti che un avversario più “convenzionale” non potrebbe?

Ha detto che Lethwei è abbastanza vicino a una lotta di strada, e ne ha avuti molti negli Stati Uniti—e ha ragione. Penso anche che, a parte i headbutts, una lotta Lethwei assomiglia molto a una lotta in piedi nell’UFC. E ha avuto un combattimento della notte in UFC, contro Thiago Alves, quindi penso che sia pronto per una buona lotta. È anche più pesante di me. Sta riducendo il peso, quindi diventera ‘ grande. Ma essere grandi non ti dà un mento migliore. Quindi lo sto aspettando, e lo accoglierò a Lethwei. Ha detto che mi avrebbe messo ko con una gomitata, ma sono io che lo farò!

Ma, lo rispetto già per aver firmato il contratto. Perché eravamo in contatto con molti ragazzi, inclusi ex combattenti UFC, che hanno cambiato idea una volta accettato il combattimento. E Seth ha appena detto ” Combattiamo!”Quindi è pronto, vuole combattere. Andiamo!

A 80kg, e avendo già affrontato grandi birmani come Tun Tun Min e Too Too – e stranieri con esperienza Lethwei, come Cyrus Washington – deve essere un po ‘ difficile trovare avversari al tuo peso…

Sì, dopo aver combattuto quei ragazzi è diventato un po ‘ difficile. Ecco perché ero contento che Seth ha preso la lotta, perché le persone che hanno le palle per combattere in Lethwei sono sempre rari. Ma penso che la promozione da WLC, ed essere su Fight Pass, contribuirà ad attirare i combattenti dopo questa lotta.

Ci sono combattenti birmani o internazionali con cui vorresti salire sul ring?

Abbiamo avuto colloqui con Yi Long per una lotta. Sarebbe con i guanti, e un solo round di 9 minuti, quindi forse. Ma voglio concentrarmi su Lethwei, quindi combattere Saiyok sarebbe bello. Ma non ci sono molti combattenti attivi che sono abituati a combattere a mani nude. Quindi, mi piace l’idea di combattere ex combattenti UFC, immagine saggio-e per mostrare l’efficacia di Lethwei. Ma oltre a questo? Non lo so davvero. Il campione non sfida nessuno, viene sfidato.

Dato che potrebbe essere difficile far combattere grandi nomi in Lethwei, hai considerato di combatterli in altri set di regole (forse in Muay Thai con i guanti MMA come compromesso)?

No. UNO mi ha avvicinato per la loro serie Super, ma ho rifiutato. Perché, come ti ho detto, voglio concentrarmi su Lethwei. Ma chi lo sa, forse un giorno combatterò in UNO. Ma, mi piacerebbe farlo in MMA.

Quali sono i tuoi obiettivi per la tua carriera e cosa speri per Lethwei in futuro?

Mi piacerebbe che continuassimo a fare quello che stiamo facendo; portando più combattenti internazionali e una prossima generazione di combattenti. Mi sto concentrando molto sulla Lethwei academy online che lancerò presto. Abbiamo già alcune scuole di sciopero affiliate negli Stati Uniti e in Europa, così le persone possono scoprire Lethwei e seguire il nostro curriculum. E speriamo che una prossima generazione di combattenti possa uscirne. Vogliamo anche organizzare viaggi in Myanmar, per aiutare le persone a scoprire la cultura, treno, e vedere alcuni combattimenti. Quindi non vedo l’ora di farlo.

Riesci a guadagnarti da vivere con le tue borse Lethwei?

Ho la fortuna di essere stato ben accolto in Myanmar, quindi ho un sacco di sponsor. E ho anche borse molto buone. Penso che Tun Tun Min abbia detto, a un certo punto, che la borsa più grande che aveva era 5 5000, e ora siamo ben oltre. Penso che i social media, e avere una buona presenza sul web, aiuta molto nei negoziati. Anche il fatto che ora siamo in UFC Fight Pass. Non voglio valutare la vita in termini di numeri, ho tutto ciò di cui ho bisogno. Sono felice. Sono con mia moglie in giro per il mondo. Abbiamo visitato 25 paesi nell’ultimo anno, non posso davvero lamentarmi.

World Lethwei Championship 9: King Of Nine Limbs Full card (UFC Fight Pass, 7: 15am ET / 4: 15am PT, venerdì 2 agosto):

Dave Leduc vs Seth Baczynski – Cruiserweight titolo mondiale
Arthur Saladiak vs Sasha Moisa – Light middleweight title
Acaro Yine vs Otop Sathianmuaythaigym – peso Piuma
Souris Manfredi vs Eh Yanut – dei pesi gallo
Nguyen Tran Duy Nat vs Izat Zaki – Leggero
Hein tun Aung vs Linn Che Aung – Leggero
Htet Aung Naing vs Sai Maung Maung – Leggero
Paing Che Aung vs Aung Paing – dei pesi gallo
Visto El Kaluu vs Visto Lin Lin – Welter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.