James Lind e lo scorbuto: il primo studio clinico nella storia?

James Lind di solito riceve credito per essere l’autore del primo studio clinico nella storia, un esperimento controllato che ha valutato l’efficacia degli agrumi contro lo scorbuto. Ma è davvero così?

Fino a un paio di secoli fa, tutti coloro che hanno intrapreso un lungo viaggio per mare sapevano che sarebbe stato esposto a un disturbo fatale che avrebbe marcito le gengive, causato la comparsa di piaghe aperte sulla pelle e lo avrebbe lasciato prostrato, prima di portare alla morte. E non c’era modo di aggirarlo poiché, secondo il pensiero del tempo, era dovuto alle condizioni degli incroci, come la cattiva alimentazione, l’acqua sporca, il duro lavoro e le abitazioni malsane.

“Lo scorbuto era noto fin dall’era ippocratica”, dice Emmanouil Magiorkinis, specialista in storia della medicina presso l’Università di Atene (Grecia), a OpenMind. Questa malattia era un nemico temibile delle flotte navali di tutto il mondo. Alcune fonti sostengono che ha ucciso milioni di marinai durante l’età d’oro dell’esplorazione marittima, anche se secondo Magiorkinis, “non possiamo avere una stima accurata delle morti.”

La grande nemica di esplorazione marittima

Per lo scrittore Stephen R. Bown, autore di Scorbuto: Come un Chirurgo, un Marinaio e Gentiluomo Risolto il più Grande Mistero per la medicina dell’Età della Vela (St. Martin’s Griffin, 2005), “la maggior parte sono stati probabilmente non dichiarata”, anche se “ci sono molti, molti record di dettaglio orrendo lo scorbuto epidemie a bordo delle navi”, dice OpenMind. Nelle storie di the age of sail,” lo scorbuto è sempre menzionato e sempre nani altre cause di morte”, dice Bown.

Ricostruzione della nave di Sua Maestà Salisbury. Credit: Journal of the Royal society of Medicine

Nel diciottesimo secolo, la Gran Bretagna fu coinvolta nella guerra di successione austriaca contro Francia e Spagna, e fu allora che un chirurgo scozzese di nome James Lind (4 ottobre 1716 – 13 luglio 1794) iniziò a svelare i segreti dello scorbuto. Nato a Edimburgo, Lind entrò in Marina come apprendista medico, anche se senza qualifiche. Nel marzo 1747 fu nominato chirurgo della HMS Salisbury, una nave da 50 cannoni incaricata di pattugliare la Manica.

Il rimedio: arance e limoni

Dopo otto settimane in mare, e quando lo scorbuto cominciò a prendere il suo pedaggio sull’equipaggio, Lind decise di testare la sua idea che la putrefazione del corpo causata dalla malattia potesse essere prevenuta con gli acidi. Il 20 maggio, divise i 12 marinai malati in sei coppie e fornì a ciascuno di loro un supplemento diverso nella loro dieta: sidro, elisir al vetriolo (acido solforico diluito), aceto, acqua di mare, due arance e un limone o una miscela purgativa.

Come risultato di quello che alcuni hanno considerato il primo studio clinico della storia, solo i due marinai che hanno preso il frutto sono migliorati, anche se le arance e i limoni si sono esauriti dopo sei giorni. ” I buoni effetti più improvvisi e visibili sono stati percepiti dall’uso di arance e limoni”, scrisse Lind nel 1753 nella sua opera storica A Treatise of the Scorbuto. “Uno di quelli che li aveva presi essendo alla fine di sei giorni in regola per il servizio … L’altro era il miglior guarito di tutti nella sua condizione; ed essendo ora considerato abbastanza bene, è stato nominato infermiere per il resto dei malati.”

Ritratto di James Lind. Credit: RCPE Heritage

Con tali osservazioni, sembra ovvio che Lind avrebbe dovuto stabilire una chiara connessione tra agrumi e scorbuto e che la Marina avrebbe dovuto agire immediatamente. Ma nessuna di queste cose è successa. Per quanto riguarda il primo, anche se Lind ha concluso che gli agrumi avevano un “vantaggio particolare”, ha continuato a sostenere che lo scorbuto era il prodotto di molteplici cause: “dieta scorretta, aria e confinamento.”Secondo Bown, forse Lind dubitava della propria esperienza quando in seguito cercò di concentrare il succo di agrumi cucinandolo per un facile trasporto e stoccaggio. Ma questo ha distrutto la vitamina C, il principio attivo allora sconosciuto, e il prodotto bollito non ha funzionato.

E questo nonostante il fatto che il legame tra agrumi e scorbuto non fosse una novità. “Gli agrumi come cura per lo scorbuto erano noti da oltre un secolo”, dice Bown. Infatti, il rimedio fu riconosciuto nel 1497 dal portoghese Vasco da Gama, nel 1593 dall’inglese Richard Hawkins e nel 1614 dal collega inglese John Woodall, che nel suo manuale il compagno del chirurgo raccomandava di mangiare arance, limoni, lime e tamarindi.

Per quanto riguarda quest’ultimo, e probabilmente a causa della timidezza delle conclusioni di Lind nelle successive edizioni del suo lavoro, 42 anni dovevano passare dalla pubblicazione dell’opera prima che l’ammiragliato britannico avrebbe finalmente, nel 1795, rendere gli agrumi obbligatori nella dieta dei marinai. Lind era morto l’anno precedente.

Controllo delle variabili dell’esperimento

L’importanza dello studio è che Lind aveva ragione a controllare le variabili dell’esperimento in modo che tutti i soggetti fossero in condizioni simili, in modo che like fosse confrontato con like. Secondo il suo stesso account, lo scozzese ha scelto pazienti con sintomi simili, li ha tenuti nello stesso posto e ha fornito loro una dieta comune, a parte gli integratori, ma senza un gruppo di controllo.

Infatti, altri prima di Lind avevano già avanzato tali proposte, a partire dal medico persiano Al-Razi che, nel IX secolo, dissanguò un gruppo di pazienti e non l’altro per verificarne i risultati. Un secolo prima di Lind, altri come il fiammingo Jan Baptist van Helmont, l’inglese George Starkey o il tedesco Franz Mesmer avevano già iniziato a confrontare like con like. Il progetto originale di queste prove non si evolse ulteriormente fino al diciannovesimo secolo con l’introduzione del processo in doppio cieco e il ventesimo secolo quando furono conclusi i placebo.

Pagina dal diario di Henry Walsh Mahon (1841) che mostra gli effetti dello scorbuto. Credit: The National Archives UK

Ma al di là dell’idea che la sperimentazione clinica di Lind potrebbe non essere stata la prima, alcuni dubitano addirittura che tale sperimentazione abbia mai avuto luogo. Nel 2003, uno studio ha rivelato che i giornali di bordo della HMS Salisbury difficilmente registrato alcun caso di scorbuto fino a quando la nave attraccò a Plymouth nel mese di giugno. Il suo autore, Graham Sutton, suggerì che la cultura della Royal Navy tendeva a negare le malattie a bordo: “Se i registri della Marina erano presi al valore nominale, Lind non curava mai lo scorbuto sul Salisbury perché non c’era nessuna malattia lì per lui da curare”, scrisse Sutton. Magiorkinis sottolinea che la Marina britannica tendeva a minimizzare le malattie, ” poiché consideravano le morti per scorbuto una vergogna attribuita alla cattiva organizzazione.”

Questo ha portato all’ipotesi che forse il processo non abbia mai avuto luogo. ” Non ci sono prove che Lind abbia condotto il processo che ha affermato”, ha scritto il gastroenterologo Jeremy Hugh Baron, morto nel 2015. Questo ha ispirato un revisionismo della figura del Scotsman da autori come Iain Milne, Sibbald Bibliotecario del Royal College of Physicians di Edimburgo e, forse, la maggiore autorità mondiale James Lind, per il quale oggi, “Lind è importante perché il suo Trattato contiene una descrizione di un primi ‘test fiera’”, dice OpenMind; ma soprattutto, continua, la storia di Lind è ” un utile strumento di marketing per promuovere l’importanza vitale dei test equi in medicina.”

Tuttavia, secondo Bown, questo non diminuisce il suo contributo: “Anche se lo ha inventato, sono stati gli altri a leggerlo a fare l’impatto sulla ricerca sullo scorbuto.”Lo scrittore sottolinea anche che il lavoro del collega scozzese Gilbert Blane, che alla fine convinse l’ammiragliato a includere il succo di lime nella dieta dei marinai, era basato sul lavoro di Lind. ” Quindi qualunque cosa Lind abbia fatto o non abbia fatto è irrilevante”, conclude Bown. “Ha messo altri ricercatori sulla strada di una cura pratica per lo scorbuto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.