Lydia Maria Child

1802-1880, Medford, MA

Autrice e abolizionista, Lydia Maria Child è ironicamente conosciuta per una poesia pubblicata nel 1844 in Flowers for Children, Volume 2, intitolata “The New England Boy’s Song about Thanksgiving Day”. Messo in musica da un compositore sconosciuto, lo conosciamo come la canzone popolare “Over the River and Through the Woods”. Il poema, che celebra i ricordi d’infanzia dell’autore di andare a casa del nonno, è stato cambiato nel tempo nella casa della nonna. Al momento della sua scrittura, il New England stava vivendo temperature molto più fredde come parte della Piccola era glaciale, quindi a differenza di oggi, la neve era spesso un evento del Ringraziamento.

Nata a Medford, MA, Lydia Child e suo marito iniziarono a identificarsi con la causa anti-schiavitù nel 1831 attraverso gli scritti e l’influenza personale di William Lloyd Garrison. Child, attivista per i diritti delle donne, non credeva che progressi significativi per le donne potessero essere fatti fino a dopo l’abolizione della schiavitù. Credeva che le donne bianche e gli schiavi fossero simili in quanto gli uomini bianchi tenevano entrambi i gruppi sottomessi e li trattavano come proprietà, invece dei singoli esseri umani.

Nel 1833, Child pubblicò il libro Un appello a favore di quella classe di americani chiamati africani sostenendo a favore dell’immediata emancipazione degli schiavi senza compensazione per i proprietari di schiavi. Considerata la prima donna bianca ad aver scritto un libro a sostegno di questa politica, Child “ha esaminato la schiavitù da una varietà di angolazioni—storiche, politiche, economiche, legali e morali” per dimostrare che “l’emancipazione era praticabile e che gli africani erano intellettualmente uguali agli europei.”Il libro è stato il primo lavoro anti-schiavitù stampato in America in forma di libro.

Un forte sostenitore e organizzatore nelle società anti-schiavitù, Child aiutò con gli sforzi di raccolta fondi per finanziare la prima fiera anti-schiavitù, che gli abolizionisti tennero a Boston nel 1834. Nel 1839, Child fu eletto nel comitato esecutivo della American Anti-Slavery Society (AASS), e divenne redattore del National Anti-Slavery Standard della società nel 1840. Mentre era redattrice, Child scrisse una rubrica settimanale per il giornale chiamata “Letters from New-York”, che in seguito compilò e pubblicò in forma di libro.

La gestione di Child come redattore e la popolarità della sua rubrica “Letters from New-York” contribuirono entrambi a stabilire il National Anti-Slavery Standard come uno dei giornali abolizionisti più popolari negli Stati Uniti. Alla fine Child lasciò lo standard nazionale anti-schiavitù, perché si rifiutò di promuovere la violenza come arma accettabile per combattere la schiavitù. Ha continuato a scrivere per molti giornali che promuovono i diritti e l’uguaglianza delle donne, ma, come risultato della sua esperienza con l’AASS, non ha più lavorato in società organizzate o suffragio.

Oggi l’eredità di Lydia Maria Child è portata avanti dalla Lydia Maria Child Society, che lavora per promuovere sia la consapevolezza che l’apprezzamento per la sua vita, e sostenere la sua visione per l’uguaglianza sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.