The Future of Social Video: A Brief Look Into What’s Next [Expert Predictions + Data]

Negli ultimi anni, il video è diventato uno dei modi più interessanti per i marchi di raccontare le loro storie sui social media.

Dalla popolarità istantanea dei video live di Facebook a Instagram aumentando la loro lunghezza video da 30 a 60 secondi, i marketer stanno usando il potere del video per comunicare le personalità e le storie del loro business, per esprimere la creatività e per costruire connessioni emotive con fan e follower.

E funziona: 51.il 9% dei professionisti del marketing in tutto il mondo nomina il video come il tipo di contenuto con il miglior ROI, secondo un rapporto di ricerca di Adobe. E oltre il 60% dei marketer prevede di aumentare il proprio investimento in video nel prossimo anno.

In questo momento, il video sta eseguendo incredibilmente bene sui social media. Allora, dove è diretto durante il resto di quest’anno e oltre?

Continua a leggere per saperne di più sul futuro delle tendenze video dei social media con queste previsioni supportate dalla ricerca di oggi e da importanti esperti di marketing.

Scarica ora: State of Marketing Report

Il futuro dei video dei social media

YouTube, Facebook e Instagram saranno le piattaforme preferite per i video dei social media.

Mentre il video si accontenterà di crescere in popolarità sui social media, non tutte le piattaforme trarranno ugualmente beneficio da questa crescita. Alcune piattaforme di social media saranno meglio attrezzate per creare, pubblicare e condividere video rispetto ad altre. E, quelli in cui i marketer sono i più riusciti saranno quelli che i marchi graviteranno verso il massimo — vale a dire Facebook, YouTube e Instagram.

Ad esempio, su Facebook vengono guardati oltre 100 milioni di ore di video al giorno e del 79% dei team di marketing che hanno pubblicato video su Facebook in 2020, 85% ha dichiarato di aver avuto successo. Dell ‘85% dei team di marketing che hanno pubblicato video su Youtube, l’ 83% ha trovato successo. E, 65% di video marketing ha detto che hanno intenzione di includere Instagram nella loro strategia di marketing 2020 a causa di quanto sia efficace il contenuto video era su questa piattaforma di social media.

Queste tre piattaforme saranno le più popolari quando si tratta di contenuti video di social media. Non solo hanno già milioni di utenti attivi, ma ti permettono anche di interagire con i follower dopo aver pubblicato un video. Più rispondi ai commenti e comunichi con il tuo pubblico, più interagiranno con i tuoi contenuti la prossima volta che pubblichi.

Meghan O’Neil di Adweek offre questo consiglio.

“Quando ci si impegna con i tuoi fan su Twitter e Facebook, li rende tanto più probabile notare quando si dispone di un nuovo video up… e condividerlo con i loro amici.”- Megan O’Neill, Adweek

Ci saranno più piattaforme di social media basate su video.

Mentre Facebook, YouTube e Instagram inizieranno come le principali piattaforme per i video dei social media, ciò non significa che saranno soli in cima a lungo. In effetti, c’è già stata un’ondata di nuove piattaforme di social media basate su video che stanno rapidamente guadagnando popolarità in tutto il mondo.

Prendi Twitch, per esempio. In soli otto anni, la piattaforma di streaming di videogiochi è cresciuta da 102K spettatori a oltre 1,4 milioni di spettatori.

Twitch-users Image Source

Tik Tok è un altro buon esempio. È stata l’app numero uno scaricata nel 2020 con una stima di 738 milioni di download. Facebook Facebook, Instagram, WeChat, Facebook Messenger e WhatsApp sono ora la sesta piattaforma di social media più grande al mondo, con oltre 500 milioni di utenti attivi.

Ma, Tik Tok e Twitch non sono le uniche piattaforme sociali che mirano a entrare nelle fila di Facebook, YouTube e Instagram. A parte i giocatori più piccoli come Meerkat e Parascope, Twitter è ora entrare in video con la sua nuova funzione, Flotte. Le flotte sono post temporanei che scadono dopo un giorno, simili a una storia di Instagram. Con le flotte, gli utenti possono pubblicare video nelle loro linee temporali che hanno sei volte più probabilità di essere ritwittati rispetto a un tweet fotografico. E la ricerca di Nielsen suggerisce che il video di Twitter è due volte più memorabile dei video guardati su altre piattaforme di social media. Il ragionamento qui è che i video di Twitter tendono ad essere visti come più organici e genuini rispetto ai video pubblicati su Facebook, Youtube o Instagram.

Le piattaforme di social media competeranno con i servizi di streaming.

La prossima frontiera per le piattaforme sociali come Facebook, YouTube e Instagram sembra essere la televisione. Infatti, esperto di marketing di Facebook, Mari Smith, ha detto Simpatico che lei crede che l’obiettivo di Facebook è ” quello di diventare la piattaforma televisiva di streaming digitale di prossima generazione.”

” Facebook è in missione per diventare la piattaforma televisiva di prossima generazione” – Mari Smith

Ciò significa che Facebook sarebbe completamente direttamente con marchi come Netlix e Hulu. Il suo obiettivo è quello di diventare la destinazione per lo streaming video e, secondo Smith, sta investendo molto nella sua funzione “Watch” per raggiungere questo obiettivo.

YouTube, d’altra parte, sta sperimentando con YouTube TV dal 2017. Con YouTube TV, gli utenti possono guardare la televisione in diretta senza un abbonamento via cavo. Questo è molto diverso dall’approccio originale di YouTube, che era completamente incentrato sui contenuti generati dagli utenti. Con più piattaforme di social media in competizione nel suo spazio, YouTube sta espandendo la sua offerta per attirare un pubblico più ampio.

Non dimentichiamo nemmeno Instagram. Anche se non offre un servizio di streaming full-fledge, Instagram ha recentemente lanciato la sua funzione IGTV che è orientata verso contenuti video di lunga durata. E, piuttosto che dover inclinare il dispositivo lateralmente per guardare un video, IGTV espande l’immagine in modo che il video possa essere guardato dall’interfaccia verticale del dispositivo. La ricerca mostra che guardare video da questa angolazione migliora il suo tasso di completamento.

Il video diventerà parte dell’esperienza di acquisto.

Il video stava già diventando una parte standard dell’esperienza del cliente e ora, poiché sempre più persone lavorano da casa e fanno acquisti online, è essenziale per i marchi che cercano di promuovere i loro prodotti. I social media rappresentano l’occasione perfetta per condividere questi video poiché il 61% dei consumatori desidera i contenuti video quando interagisce con un marchio. E il 55% delle persone utilizzerà i contenuti video di un marchio quando prende una decisione di acquisto.

Ecco un esempio di come J. Crew sta usando il video per promuovere i suoi nuovi prodotti su Instagram.

Ma la promozione del prodotto non è l’unico modo per capitalizzare sui video dei social media. Marchi come Napoleon Cat stanno creando video “explainer” in cui spiegano come funziona un prodotto e chi lo userebbe.

Altri marchi ospitano sessioni Q&A e pubblicano anche video di testimonianze dei clienti. Ciò fornisce un livello di prova sociale che aiuta i clienti a fidarsi di un marchio dopo aver guardato uno di questi video. Ad esempio, ecco un video testimonial per Clek creato da uno dei suoi clienti.

Questi sono solo alcuni modi in cui i video dei social media influenzano l’esperienza del cliente. Come Brian Halligan evidenzia nella citazione qui sotto, queste sono le opportunità tempestive che “i marketer devono adattarsi o rischiare l’estinzione” rimanendo indietro rispetto ai loro concorrenti.

Tweetable_Quote_Halligan

Per ulteriori suggerimenti video, scopri come creare annunci video sui social media.

Nuovo invito all'azione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.