The Portal to Texas History

History

Alla Convention dello Stato democratico nel gennaio 1871, i delegati decisero che Austin aveva bisogno di un giornale democratico per competere con i due giornali repubblicani già in circolazione. Un comitato, guidato da Alexander Stuart Walker, ha martellato i dettagli per un documento democratico.

L’Austin Democratic Statesman debuttò il 26 luglio 1871, come un tri-settimanale pubblicato il martedì, il giovedì e il sabato. Il primo numero ha dichiarato: “Questo documento è stabilito a sostegno dei principi della democrazia come stabilito nella piattaforma.”Nell’agosto del 1871, la Statesman Publishing Company introdusse un settimanale del martedì, il Weekly Democratic Statesman, che ottenne un successo immediato. Cardwell servito come editor per entrambi i documenti. Nel 1873, un abbonamento al Settimanale Statista democratico costava due dollari e cinquanta centesimi. Quello stesso anno lo statista democratico abbandonò il formato tri-settimanale e divenne un quotidiano. La carta, lunga quattro pagine e con una dimensione di 29 x 43 pollici, aveva una tiratura di 1.800.

Lo Statista ha stampato notizie internazionali e nazionali, notizie locali, corrispondenza da giornalisti con sede a Washington, DC, e annunci di eventi del governo dello stato. Le colonne erano riservate a brevi telegrammi di notizie dai giornalisti di stanza in tutto il Texas e agli editoriali che rappresentavano i principi democratici del giornale. Il documento ha anche riferito sulla crescita dei servizi statali e della città, i conflitti etnici e razziali nella zona di Austin e le strategie economiche per le imprese locali. Considerato un giornale di famiglia, lo Statista ha pubblicato articoli su agricoltura, zootecnia, rimedi casalinghi medicinali, moda, assistenza all’infanzia e gestione domestica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.