Woman Gets Prison for Wrong-Way Crash That Killed Six

Cosa sapere

  • Una donna Fontana è stata condannata mercoledì a 30 anni all’ergastolo per un incidente che ha ucciso sei persone.
  • Olivia Carolee Culbreath, 26 anni, non ha contestato a maggio sei accuse di omicidio di secondo grado proprio mentre il suo processo stava per iniziare.
  • La sua Chevrolet Camaro del 2013 si scontrò frontalmente con una Ford Explorer nelle prime ore del mattino di febbraio. 9, 2014.

Una donna della contea di San Bernardino che era stata precedentemente avvertita dei pericoli della guida in stato di ebbrezza è stata condannata mercoledì a 30 anni all’ergastolo per aver causato un incidente sbagliato che ha ucciso sei persone, tra cui sua sorella, sull’autostrada Pomona (60) a Diamond Bar.

Definendolo un “caso tragico”, il giudice della Corte Superiore Lisa B. Lench ha imposto la pena massima che Olivia Carolee Culbreath, 26 anni, di Fontana, potrebbe affrontare a seguito del suo appello di no-contest del 22 maggio a sei capi di omicidio di secondo grado.

È entrata nel patteggiamento proprio mentre il suo processo stava iniziando in un’aula del centro di Los Angeles. Culbreath ha guidato in direzione nord nelle corsie in direzione sud dell’autostrada Orange (57) e poi in direzione est nelle corsie in direzione ovest dell’autostrada 60, dove la sua Chevrolet Camaro del 2013 si è scontrata frontalmente con una Ford Explorer nelle prime ore del mattino di febbraio. 9, 2014.

Notizie

Top news del giorno

Tre generazioni di membri della famiglia in the Explorer sono stati uccisi: residenti di Huntington Park Gregorio Mejia-Martinez, 47; Leticia Ibarra, 42; la loro figlia, Jessica Mejia, 20; e sua nonna, Ester Delgado, 80 anni. Culbreath 24-anno-vecchia sorella, Maya, e uno degli amici di Culbreath, Kristin Young, 21, di Chino, anche morti nello schianto.

Culbreath fu ferito ma fu l’unico a sopravvivere. Il vice procuratore distrettuale Casey Higgins ha notato che il livello di alcol nel sangue di Culbreath è stato misurato allo 0,15% – quasi il doppio del limite considerato compromesso-circa tre ore dopo l’incidente, suggerendo che aveva consumato “più bevande” e non solo un bicchiere di vino.

Ha notato che un uomo che ha chiamato il 911 quella notte per segnalare un autista sbagliato ha finito per essere profetico nell’avvertire che qualcosa di brutto potrebbe accadere prima che le forze dell’ordine potessero fermarla. Culbreath ha avuto una precedente condanna DUI anni prima derivanti da un incidente in cui ha avvolto la sua auto intorno a un palo della luce, ed è stata avvertita che potrebbe essere accusata di omicidio se fosse stata coinvolta in un altro incidente DUI, il procuratore ha detto al giudice.

Culbreath si è scusata con le famiglie delle vittime, dicendo in una dichiarazione emotiva che chiede a Dio ogni notte di confortare coloro che sono stati feriti da quello che è successo.

” Mi sbagliavo, ero così sbagliato e mi assumo la piena responsabilità di qualsiasi cosa …, “ha detto, notando che vuole essere la migliore madre che può per suo figlio, che aveva 11 giorni al momento dell’incidente, e che “inizia con l’assunzione di responsabilità.”

Ha detto che rimpiange ogni giorno quello che è successo e” punirà me stesso per il resto della mia vita ” indipendentemente da quando verrà rilasciata dalla prigione. Mary Mejia killed i cui genitori, sorella e nonna sono stati uccisi told ha detto al giudice che “ha perso tutta la mia famiglia” nell’incidente e ha descritto le ore trascorse agonizzante per quello che è successo a loro dopo che non sono riusciti a tornare a casa da un viaggio in un casinò.

“Non volevo dimenticarli. Non volevo dimenticare nulla di loro”, ha detto dopo aver appreso della morte dei suoi familiari.

” Nessuno sentirà mai il dolore che provo.”La madre di Young, Anna Marie Coye, ha detto al giudice che si è trovata” alla ricerca di una ragione per vivere ” dopo l’incidente che ha ucciso sua figlia, e partecipa ancora alle riunioni del gruppo di supporto al dolore e al dolore.

Ha notato la frase “non porterà alcuna chiusura al mio dolore e dolore”, dicendo che durerà per il resto della sua vita. La madre di Culbreath, Li, ha detto al giudice che sua figlia ha dedicato la sua vita ad aiutare gli altri e ha contribuito a salvare la vita di un altro detenuto. Ha detto che suo nipote takes che porta a visitare Culbreath in prigione’t non sa cosa significhi essere trattenuto da sua madre e chiede sempre quando tornerà a casa.

Uno degli avvocati di Culbreath, Robert Sheahen, ha descritto il suo cliente come “estremamente pentito” e ha detto che gli ha ripetutamente chiesto: “Perché sono qui? Vorrei che fossi stato io, ” dal momento che l’incidente.

Culbreath-che aveva lavorato con i disabili in via di sviluppo-ha insistito per non invocare alcun concorso per cercare di risparmiare più dolore alle famiglie delle vittime senza che il caso andasse a processo, ha detto il suo avvocato. Ha definito quello che era successo una tragedia “incomprensibile”.

Il giudice-che ha respinto la richiesta della difesa di una pena minima di 15 anni all’ergastolo-ha detto alle famiglie delle vittime che era “molto dispiaciuta” e sperava che il loro dolore si attenuasse. Ha detto che credeva che la frase avrebbe dato Culbreath l ” opportunità di dimostrare il suo valore, mentre dietro le sbarre.

Da quando aveva 21 anni al momento dell’incidente, sarà eleggibile per un’udienza in libertà vigilata dopo aver scontato 25 anni dietro le sbarre, hanno detto gli avvocati. E “stata in custodia dal momento che l” incidente, dopo essere stato inizialmente ricoverato in un reparto carcere a causa delle sue ferite dalla collisione.

È stata inizialmente portata in tribunale su una barella e poi alla fine su una sedia a rotelle, mentre è stata portata in tribunale per la sua condanna. Fuori dal tribunale, la madre di Young ha detto che dovrà vivere con il dolore di perdere sua figlia per il resto della sua vita.

“Olivia deve vivere con le conseguenze per la decisione che ha preso quella mattina, e mi dispiace per questo”, ha detto. “Credo che lei era ben consapevole che lei era oltre il limite di alcol quella notte. Credo che lo sapesse e ne fosse consapevole. Ma credo anche che non pensasse che potesse succedere a lei.”

L’avvocato di Culbreath ha detto ai giornalisti dopo l’udienza che la sentenza è stata” estremamente dura”, osservando che ” il reato stesso è stato forse il peggior incidente nella storia della California meridionale.”

” Questa è una brava signora. … Ha passato la sua vita a lavorare per altre persone. Stava studiando infermieristica. Ha salvato una vita in prigione”, ha detto Sheahen ai giornalisti.

L’avvocato difensore ha sostenuto che la California Highway Patrol “avrebbe potuto salvare tutte queste vite se avessero risposto alle chiamate 911” avvertendo di un autista sbagliato e non è riuscito a prendere immediatamente un campione di sangue da Culbreath the l’ultimo dei quali la difesa intende fare appello, ha detto.

Il procuratore ha replicato che gli ufficiali di CHP hanno cercato di raggiungere l’autista sbagliato il prima possibile, ma “non erano abbastanza veloci”, notando che un ufficiale si è diretto a lavorare a Los Angeles dopo aver sentito una chiamata ed è stato il primo sulla scena della collisione. “Se stai assumendo la proprietà e hai un vero rimorso, perché stai cercando di rifilarlo a qualcun altro.

Perché stai cercando di dare la colpa a qualcun altro?”il procuratore ha detto delle affermazioni di Culbreath di rimorso. Video di sorveglianza ottenuto in seguito da un bar nel centro di Fullerton ha mostrato che Culbreath indossava le chiavi della macchina su un cordino intorno al collo, suggerendo che lei era l ” autista designato quella notte, Higgins ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.